Sei qui: Home Appunti scolastici Latino Grammatica latina Sintassi del verbo Il modo congiuntivo e i congiuntivi indipendenti

Il modo congiuntivo e i congiuntivi indipendenti


Prima di analizzare nello specifico ogni congiuntivo indipendente, vi proponiamo una tabella riassuntiva dei congiuntivi indipendenti, molto utile per memorizzarli senza troppe difficoltà.

Congiuntivo

Esprime…

Negazione

Uso dei tempi

Nel presente

Nel passato

Esortativo

Esortazione, ordine, divieto

Ne

presente

-

Proibizione

Ne

Perfetto (2°pers.

sing. E plur.)

-

Concessivo

Ammissione, concessione

Ne

Presente

Perfetto

Desiderativo (ottativo)

Desiderio, augurio

Ne (non)

Presente(augurio)Imperfetto(rimpianto)

Perfetto(augurio)Piuccheperfetto(rimpianto)

Dubitativo

Dubbio

Non

Presente

imperfetto

Potenziale

Possibilità

Non

Presente, imperfetto

imperfetto

Modestia

Non

Perfetto, Presente

-

Suppositivo

Ipotesi realizzabile o irrealizzabile

Non

Presente(supp. Realizzabile)

Imperfetto; piuccheperfetto(supp. Irrealizzabile)

Irreale

Irrealtà

Non

Imperfetto

Piuccheperfetto

 Congiuntivo ottativo: esprime un augurio e viene introdotto da proposizioni come Utinam, ut, si, sic ("magari, oh se, voglia/volesse il cielo, come vorrei/avrei voluto che").

Utinam salvum fueris: Spero che tu sia salvo

Unitam salvum fuisset: Magari fossi salvo

La negazione è "ne".

Per il congiuntivo ottativo vi sono anche i "verba voluntatis" che conferiscono al verbo particolari sfumature:

1) Velim (volere), Nolim (non volere), malim (preferire) + congiuntivo presente/imperfetto: desiderio realizzabile (vorrei che...)

2) Vellem, Nollem, Mallem + congiuntivo imperfetto/piùccheperfetto: desiderio irrealizzabile. Possono essere resi con un condizionale imperfetto (Avrei voluto che...)

Congiuntivo potenziale: esprime una possibilità che può essere presente (in latino si usa il presente o il perfetto congiuntivo) o passata (congiuntiva imperfetto). Il potenziale lo si trova con pronomi indefiniti come Aliquis-Quis-Nemo o con un "tu generico". InItaliano si rende con il condizionale presente o passato del verbo potere (tempo presente e passato), oppure il futuro semplice se riguarda il tempo presente. Negazione "non"

 Congiuntivo dubitativo: viene utilizzato nelle interrogative dirette o indirette. I tempi sono il congiuntivo presente o congiuntivo imperfetto e in Italiano viene reso con il condizionale. Negazione con "non".

Congiuntivo suppositivo e irreale: esprime un'ipotesi realizzabile (presente congiuntivo) o irrealizzabile (congiuntivo piuccheperfetto, ma anche imperfetto nel caso dell'irrealtà). Negazione con "non".

Congiuntivo esortativo: si usa per la I persona plurale e per la III singolare e plurale (negazione con "ne").

Ne exeant --> Non escano

Se usato il congiuntivo perfetto alla II persona singolare e plurale il congiuntivo esortativo esprime una proibizione.

Congiuntivo concessivo: esprime un fatto o un'affermazione che si accettano o si ammettono per ipotesi come veri. Spesso il verbo è seguito dalle particelle sane/licet, oppure è preceduto da ut. La negazione è "ne".

I tempi usati sono il presente se l'ammissione è riferita al presente o al futuro; il perfetto, se l'ammissione è riferita al passato.


Powered by Bullraider.com

Utenti online

Abbiamo 13 visitatori e nessun utente online

Statistiche

Visitatori
7
Articoli
1272
Visite agli articoli
2530687
Sei qui: Home Appunti scolastici Latino Grammatica latina Sintassi del verbo Il modo congiuntivo e i congiuntivi indipendenti